Running

Intervistati gli Independent Runners: il loro progetto e FamiglieSma

Come promesso oggi andremo a conoscere gli Independent Runners, il gruppo di ragazzi veneti appassionati di corsa e di beneficienza, i quali ho citato nel “post sulla Nutella”.

In contatto ormai da giorni, Manuel mi ha dedicato il suo tempo e ha deciso di parlarci di questo gruppo, che adesso ha bisogno della mano di tutti noi! Qui sotto trovate l’intervista e ancora più giù trovate le istruzioni su come dare una mano a questi ragazzi.

– Ciao ragazzi, perché non iniziamo con una presentazione, chi sono gli Independent Runners?

Independent Runners è anzitutto un modo di essere che parte da una riflessione.

Quando una persona si può definire runner? Deve aver corso per forza una maratona oppure è sufficiente una corsa di mezz’ora alla domenica mattina? Ci sono molte persone che si allenano ma non hanno mai fatto e mai faranno una competizione agonistica.
L’ISTAT dice che in Italia 5 milioni corrono abitualmente e che di questi 5 milioni circa 440 mila non partecipano a gare. Sono circa 315 mila a partecipare ad una mezza maratona. Mentre 35 mila arrivano a correre la maratona. E ora che sappiamo questi numeri? È facile fare riflessioni su chi indossa un pettorale e la realtà che vediamo è piena di associazioni, gruppi che promuovono le attività di questo target. Ma invece: come intercettare chi corre in solitaria al parco? Per strada? Sul tapis roulant in palestra? Chi sono costoro? Chi sono quelli che partecipano a gare o corse amatoriali per il gusto di farlo slegati da interessi economici di gruppi o associazioni o affini?

– So che avete una storia lunga e ricca di cambiamenti, raccontateci un po’ com’è nata l’idea e come si è formato il gruppo

L’idea di Independent Runner nasce dall’incontro tra me (Manuel) ed Ermes, compagno e amico conosciuto correndo. Prima di Independent Runners avevo costituito già un gruppo i 5fingers Runners, un gruppo di amici perlopiù del mio territorio con i quali scambiarsi idee, esperienze e partecipare a corse e piccole competizioni. Ma è proprio durante la frequentazione sempre più assidua del mondo del running che via via mi sono reso conto che anche il mondo del running soprattutto quello delle associazioni e dei gruppi è fatto di primedonne, di competizione, di regole, di ideologie che sempre più mi stavano strette.

independent runners

Io ho sempre amato le corse di paese e la libertà di scegliere chi, come e quando. Ho visto runner ai quali veniva imposta una scaletta di corse da fare e, altre alle quali non potevano partecipare. Runners che non potevano indossare altre maglie o divise altrimenti venivano esclusi. Io sono un indipendente e non ho mai avuto necessità nella vita di aggregarmi a gruppi… così nella vita così nella corsa. E molti altri lo sono… Perché chi è INDEPENDENT può andare… Non ci sono limiti o discriminazioni.

– E cosa ci dite del successo sui social network nelle ultime settimane?

Per noi è un successo del tutto inaspettato, soprattutto perché non era e non è pensato o messo in previsione. Non era e non è un nostro obiettivo. Il social network è uno strumento (e tale deve rimanere) per fare comunità e per far conoscere iniziative riguardanti corse e per divertirci insieme. Non ci aspettavamo tanta condivisione!

– Il nuovo gruppo Independent Runners ha un progetto molto interessante, di cosa si tratta?

Il progetto FamiglieSma nasce grazie alla conoscenza diretta di una di queste famiglie e di conseguenza dei loro bisogni e difficoltà e dell’associazione che appunto li sostiene. È stata ancora una volta l’esperienza personale e diretta a spingerci a intraprendere questo ambizioso progetto. Lo scopo è la raccolta fondi da destinare all’associazione. FamiglieSma è un gruppo di genitori che si confronta quotidianamente con una malattia terribile: atrofia muscolare spinale. Uniti e organizzati, mettono in campo forza, coraggio e ottimismo finanziando la ricerca scientifica per trovare una cura e garantendo assistenza ai bambini e ragazzi malati e alle loro famiglie.

– Magari spiegateci anche come possiamo aiutarvi

Acquistando la t-shirt contribuirete alla nostra raccolta fondi per FamiglieSma (alla fine del post vi spiego come)

– Altri progetti per il futuro?

Ci stiamo impegnando per l’organizzazione di una corsa (con la speranza che diventi più di una) a sostegno dell’iniziativa che vedrà la partecipazione di FamiglieSma e Independent Runners. Le informazioni future verranno notificate nella pagina ufficiale.

– Quindi lanciamo questa call, in un frase: perché aiutare gli Independent Runners?

Uno dei significati di Independent è “libero” aiutateci ad aiutare i bambini e i ragazzi con SMA ad esseri liberi.

– Grazie per il vostro tempo, fareste un saluto ai lettori del blog?

Un saluto ai lettori del blog! Seguiteci, condivideteci, aiutateci ad aiutare! Un abbraccio!

Se la loro storia vi sta a cuore e soprattuto se volete aiutare i bambini ad essere liberi, aiutiamoli!

  • Dal 1° Febbraio 2016 sarà attivo il seguente IBAN: IT 34 M 07601 05138 266858766860 al quale potrete inviare il vostro contributo (a partire da 30€ inclusa spedizione) per una t-shirt Independent.
  • Nella causale del versamento dovrete scrivere: offerta/contributo + taglia +sesso + colore
  • Inviate una email a [email protected] (oppure un messaggio su Facebook) con la copia del versamento ed il vostro indirizzo per la spedizione.

Indossando la vostra t-shirt durante le gare, le tapasciate e durante gli allenamenti contribuirete personalmente al successo di questa iniziativa!

Inoltre vi segnalo la Pagina Facebook di FamiglieSma e il loro sito ufficiale. Ma anche la famosa Pagina Facebook di Independent Runners e il loro profilo Instagram.

 

Uno dei significati di Independent è “libero” aiutateci ad aiutare i bambini e i ragazzi con SMA ad esseri liberi.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply